Canale Twitter @CulturaLegnano

“IL GRANDE CARDINALE SEDUTO” DI GIACOMO MANZU'

leone da perego, arte in città
Pubblicato il 15/12/2018
Letture: 5838

 
news

“IL GRANDE CARDINALE SEDUTO” IN MOSTRA A LEGNANO

L’opera in bronzo dello scultore Giacomo Manzù posizionata nel giardino di Palazzo Leone da Perego.

È giunta a Legnano il «Grande Cardinale seduto» (1975 - bronzo, 221 x 150 cm) di Giacomo Manzù, una delle opere più significative del grande artista bergamasco, noto per aver realizzato le «Porta della Morte» per la Basilica di San Pietro in Vaticano (compiuta nel 1964).

L’opera, di cui una copia è conservata al J. Paul Getty Museum di Los Angeles, è stata posizionata in via Gilardelli (davanti al Commissariato di Polizia al civico 5) e accompagna la mostra di Floriano Bodini. Paolo VI ritratto di un papa allestita a Palazzo Leone da Perego fino al 31 marzo 2019.

Manzù e Bodini hanno lavorato sul tema del Concilio Vaticano, realizzando una serie di opere che hanno per soggetti le gerarchie vaticane e, appunto, i papi Giovanni XXIII (Manzù) e Paolo VI (Bodini). La collocazione della scultura si deve alla collaborazione fra il Comune di Legnano e la Fondazione Materima di Casalbeltrame (Novara) (realtà fondata da Nicola Loi, già fondatore dello Studio Copernico di Milano, che si occupa di valorizzare e promuovere il linguaggio della scultura in Italia e all’estero) e rientra nei progetti curati dal direttore artistico del Comune di Legnano, Flavio Arensi.

Gianbattista Fratus, Sindaco della Città di Legnano, sottolinea «l’importanza dell’artista, uno dei grandi maestri del Novecento europeo, presente a Legnano con uno dei suoi bronzi più noti. L’iniziativa mette inoltre in risalto la collaborazione fra la Città e gli enti privati, come la Fondazione Materima, per mettere in moto un nuovo modo di progettare la cultura».

 

 

  • «FUNZIONE-SVILUPPO DI FORMA CONCRETA» DI ANGELO BOZZOLA arte in città

    «FUNZIONE-SVILUPPO DI FORMA CONCRETA» DI ANGELO BOZZOLA

    L'opera "Funzione-sviluppo di forma concreta" in acciaio inox (cm 197x135x70), realizzata nel 1956 da Angelo Bozzola (1921-2010), risale al periodo del MAC (Movimento di Arte Concreta) ed è costituita da un unico elemento base, rappresentazione geometrica rigorosa dei rapporti formali. Con la scultura metallica si sviluppa "il modulo" come elemento base d'un operare artistico che ha consentito...

sedi espositive

eventi culturali

vai al mese precedente giugno 2020 vai al mese successivo
lu ma me gi ve sa do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30