Canale Twitter @CulturaLegnano

PALAZZINA DE ANGELI FRUA

patrimonio culturale
Pubblicato il 21/11/2014
Letture: 4475

 
news

La palazzina De Angeli Frua è stata un impianto di tessitura di fine Ottocento gestita dai fratelli Banfi, poi Stamperia Italiana De Angeli, quindi De Angeli Frua, per la collaborazione di Ernesto de Angeli e Giuseppe Frua. Il nome completo era "De Angeli-Frua, Società per l'industria dei tessuti stampati S.p.A.". L'attività produttiva terminò nel 1968. Dalla chiusura dell'attività del cotonificio, la costruzione è rimasta abbandonata.

L'edificio costituisce un esempio di architettura del mattone e del ferro. La costruzione, completata nel 1893, assunse una fisionomia tale da essere chiamata "Castellaccio" o "Castello del lavoro": un corpo massiccio ed esteso, in mattoni a vista, realizzato su tre piani e con tre torri più alte di un piano, su cui si aprivano finestre binate e, all'ultimo piano, a triade; la copertura a shed del fabbricato era nascosta dalle cornici della facciata.

Il complesso fu demolito nel 1974 per lasciare posto a costruzioni moderne; vennero salvati solo gli uffici, oggi sede della Associarma, e l'edificio sulla via Pietro Micca, sede del "Dopolavoro" della Franco Tosi. La palazzina degli uffici rimasta testimonianza storica dello stabilimento De Angeli Frua fornisce un esempio delle caratteristiche tipologiche e stilistiche tipiche dell'architettura industriale ottocentesca diffusa nella Valle Olona. L'edificio a pianta rettangolare, ha le facciate in mattoni a vista con lo zoccolo in cemento decorativo, le due evidenti fasce a marcapiano e le cornici di tutte le finestre sono in pietra arenaria, materiali comunemente utilizzati in questa zona.

Recentemente, a causa del tempo e della non puntuale manutenzione, è stato reso necessario un restauro di tipo conservativo, cioè volto al recupero di tutti i materiali e le sagome originali presenti in facciata, al fine di riportare l'edificio al suo aspetto originario. I lavori hanno riguardato la sostituzione del tetto, la pulitura della facciata e il ripristino dei decori in gesso che stavano iniziando a staccarsi. I lavori di restauro sono stati ultimati nel 2007, con una spesa di 150 mila euro totalmente sostenuta dal Comune.

  • «INDISSOLUBILI LEGAMI» DI JANO SICURA E ANNIBALE VANETTI eventi e news dal territorio

    «INDISSOLUBILI LEGAMI» DI JANO SICURA E ANNIBALE VANETTI

    "Le Stanze dell'Arte" del Castello Visconteo di Legnano presentano dal 6 maggio al 4 giugno 2017  "Indissolubili legami" doppia personale degli artisti Jano Sicura e Annibale Vanetti. Il progetto  Indissolubili Legami nasce dall’incontro di due artisti, Jano Sicura e Annibale Vanetti  che, nella diversità dei linguaggi, hanno voluto confrontarsi sul...

aree tematiche

eventi culturali

vai al mese precedente maggio 2017 vai al mese successivo
lu ma me gi ve sa do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31